Etichettatrice

Le macchine etichettatrici nelle versioni più complete si compongono in genere di due parti: una parte fissa, dove sono montati una o più unità che vengono chiamate applicatore o gruppo adesivo e una parte mobile, chiamata giostra o tavola rotante. CMZ, operando al servizio delle specifiche esigenze del cliente finale, ha esperienza sia nella realizzazione della parte fissa della macchina che della tavola rotante.

APPLICATORE L' applicatore è un'unità sostanzialmente autonoma che può essere fornita anche separatamente dalla tavola rotante. L'applicatore è generalmente costituito da uno o più motori e spesso è dotato di un proprio HMI per la parametrizzazione o può ricevere i parametri da una porta di comunicazione. Le filosofie di base adottate nella realizzazione della soluzione sono principalmente due: soluzione centralizzata e soluzione stand alone. Nella soluzione centralizzata, l'intelligenza del sistema è costituita da un controllore, che gestisce le varie periferiche (motori brushless e stepper e I/O) tramite un fieldbus, quale ad esempio l'FCT200, programmabile in ambiente IEC61131.

l controllore può colloquiare con le altre unità della macchina tramite le sue porte di comunicazione o essere connesso ad un HMI. Nella soluzione stand alone, CMZ offre due alternative: l'innovativo motore sincrono a due fasi con azionamento integrato, chiamato ISD , o la sua versione brushless chiamato IBD.

TAVOLA ROTANTE Per la gestione della tavola rotante, dove transitano le bottiglie da etichettare, si individua un'unità di coordinamento e impostazione dati montata sulla parte fissa e le unità di rotazione bottiglie montate sulla parte mobile. Anche in questo caso si può fare una distinzione tra una soluzione soluzione centralizzata e una soluzione decentrata o stand alone.

Nella soluzione centralizzata, sulla parte fissa normalmente troviamo:

  • un controllore, come il controllore CMZ della serie FCT
  • moduli I/O
  • un encoder master
  • l’eventuale HMI

mentre sulla parte mobile troviamo:

  • servomotori con elettronica integrata per la rotazione dei piattelli  (brushless o stepper) CMZ dispone di azionamenti con particolari ottimizzazioni che permettono di aumentare la loro efficienza e firmware speciali per macchine etichettatrici

Il collegamento tra la parte mobile e fissa della macchina è realizzato tramite un collettore ad anelli e il bus di campo è di tipo CANOpen o Ethercat. In questa soluzione il controllore gestisce tutta la ciclica della macchina e invia in tempo reale le traiettorie ai vari azionamenti. In alternativa è possibile una soluzione decentrata con sostanzialmente la stessa struttura ma dove  ogni azionamento ha il proprio PLC interno e può svolgere le proprie funzionalità in modo indipendente dal master che svolge funzioni solo diagnostiche e di coordinamento. Il master può essere anche l'HMI.